BISOGNA TENERE CONTO:

C’è un solo posto da evitare: il cuore, la spina dorsale della canna, contrassegnata con una X nell’illustrazione.

Non sono garantiti buoni risultati. Anche dopo due ore di lavoro, si può ancora avere un pezzo di bastone intoccabile.

Qualunque cosa si toglie via andrà via per sempre, quindi lavora lentamente.

Quanto è troppo? Quando aggiusti la canna pensa in decimi di millimetro.

Durante la regolazione, è necessario testare i risultati frequentemente.

Una canna mediocre può essere migliorata quasi sempre. Meglio fare pratica, anche una cattiva pratica. Per rovinare un buona canna non hai bisogno di alcuna esperienza.

Troppi problemi con una canna? Prova un’altra marca, un’altra serie o un’altra durezza.

Una canna sorda può ammorbidire un ugello troppo lucido o produrre un brutto rumore, e viceversa.

Non preoccuparti troppo di una punta ondulata. Le ondulazioni scompariranno non appena le tocchi un po’, una volta bagnata la canna.

Ci sono libri che trattano in modo più approfondito questo tema.

Alcune canne fischiano e altre suonano molto sorde. Alcune sono molto dure e altre molto morbide, o di spessore irregolare. Oppure non sono ben lucidate sul lato superiore o inferiore. Voglio dire, ci sono canne intoccabili di ogni tipo. Ma si può provare a “regolarle”.

Buttare le canne è facile e veloce, ma è molto costoso. Imparare a regolarle richiede tempo e pazienza. (e un mazzo di canne rovinate). Non c’è un modo preciso per farlo; sembra che ogni sassofonista abbia il suo metodo, ma ecco alcuni suggerimenti di base:

  • Per chiudere la finestra dell’ugello è necessario che il piano di lavoro sia perfettamente lucidato. Se non è così, spellarla e passarla alcune volte su una carta vetrata molto morbida, che si trova nei negozi di ferramenta e si può collocarla su una superficie piana, come il vetro. Bisogna fare dei movimenti morbidi e regolari lungo la vena della canna. Non sabbiate la punta.
  • Se una canna è troppo morbida, è possibile tagliare con cautela un po’ della punta con una taglierina. Bagnare tutta la canna e mai tagliare più di 1-1 ½ mm. Lisciare i bordi con una carta vetrata molto fine, lavorando sempre verso il centro della punta.
  • -Una canna troppo spessa non vibrerà. Si può assottigliare, iniziare nell’area 1 (schema precedente). Fai attenzione perché la canna è molto sottile in questa parte. Se non vi sono miglioramenti, lima l’area  2, e dopo la 3 e la 4. Lavorare sempre su entrambi i lati per mantenere l’equilibrio della canna.
  • -Le canne stridule possono essere lavorate sui punti 3 e 4. Questo problema non è facile da correggere.
  • -Se la canna è sorda, inizia dal punto 1 e dopodiché prova con il 3 e 4, e se continua a non migliorare passa al punto 2.
  • Le canne che tendono a emettere segnali acustici sono spesso irregolari. È possibile cercare di bilanciarle assottigliando il lato più spesso. Come puoi immaginare, non è un lavoro facile. Controlla frequentemente i progressi; prova prima cercando di far vibrare solo il lato destro della canna e poi passa al lato sinistro. Se il suono non cambia, sono necessarie ulteriori regolazioni.
  • Ci sono molti altri modi per regolare le canne, e anche molti strumenti, dalle normali lame di rasoio alle raschiatrici e lame specializzate. Il modo migliore per farlo è quello di continuare a provare, con le vecchie canne o con quelle che si prevede di buttare via.
  • Se si conservano le canne in un supporto, è necessario proteggerle e mantenerle piatte quando sono asciutte. In alternativa, è più economico posizionare degli elastici su un pezzo di vetro con bordi arrotondati.

 

The following two tabs change content below.

Latest posts by Cecilio (see all)