1. Tubi e polpa

Ogni canna, vista con una lente d’ ingrandimento, è costituita da innumerevoli tubi o fibre cave unite insieme ad una sostanza intermedia: la polpa.

Più a lungo si usa una canna, più morbida diventa la polpa e meno elastiche diventano le fibre, fino a quando non fanno più quello che dovrebbero fare. Se ci si prende cura di una canna, può durare due o più mesi, ma prima o poi passerà ad miglior vita.

  1. Forza in numeri

Ci sono canne morbide e dure, classificate con i numeri. La maggior parte delle marche vanno da 1 a 5, a metà strada attraverso il centro. Una canna #2 non è più sottile di una #4 della stessa marca e serie, ma è fatta da un pezzo più morbido di canna. Le canne morbide durano meno.

Quelli duri danno un suono più grande, più compatto e pieno, ma hanno bisogno di un buon controllo del respiro e di un boccaglio ben sviluppato.

Quelli morbidi rispondono più facilmente e possono essere suonati con loro molto delicatamente.

D’altra parte, danno un suono leggermente più sottile e la sintonizzazione può essere più difficile.

La maggior parte dei principianti trovano utile iniziare con una canna morbida, ma quasi tutti iniziano con una canna più dura.

  1. I numeri sono relativi.

Come per gli ugelli, ci sono delle tabelle che aiutano a confrontare le diverse marche. Ad esempio, una 2 e ½ di un marchio può essere più difficile di un 3 di un altro marchio, e ci sono variazioni simili tra le diverse serie di una stessa marca. Inoltre, poiché la canna è un materiale naturale, ci saranno sempre piccole differenze tra canne “identiche”.

  1. Il tuo ugello.

Gli ugelli con apertura ridotta hanno bisogno di canne più dure. Se la canna è troppo morbida, si chiude e non risponde affatto. Al contrario, un ugello a grande apertura giocherà più facilmente con una canna morbida.

Normalmente, una buona scelta per i principianti è una canna di medie dimensioni, come 2 o 2 y ½, in un ugello con un’apertura medio – piccola.

  1. Taglio francese e americano.

Si possono incontrare i termini taglio francese o canna francese, e taglio americano o canna americana (french cut y american cut).

La canna francese, utilizzata principalmente da pescatori classici, ha la punta più sottile ed è leggermente più spessa nella zona del cuore. La canna americana ha una punta leggermente più spessa e meno cuore, e produce un suono più spesso e meglio diretto. In ogni caso, non esiste un modello ben definito per nessuno di essi.

  1. Limatura francese.

Per “confondersi” un po’ di più esiste anche la limatura francese. Questa finitura è molto diversa, come si vede nelle immagini qui sotto. Nelle canne con limatura francese, è stata ridotta o limata un po’ la corteccia dietro la curva dove inizia il collo. Queste canne hanno una risposta migliore e danno un suono più luminoso, più aperto. In questo modo è possibile compensare l’effetto di un ugello troppo morbido o scuro.

 

The following two tabs change content below.

Latest posts by Cecilio (see all)